Programma

per la Sicilia

Leggi il programma

Siciliani Liberi

Movimento politico

Scopri di più

divider

SICILIANI LIBERI SOLIDARIZZA CON TURI VACCARO UOMO SIMBOLO NO MUOS

Turi Vaccaro 2Siciliani Liberi esprime la propria piena e totale solidarietà nei confronti di Turi Vaccaro, attivista storico dei movimenti pacifisti che si battono contro l'installazione del MUOS.

Il suo arresto è un fatto grave che intende stroncare la lotta pacifica e non violenta di un uomo simbolo del movimento NoMUOS. La battaglia di Turi è la battaglia dei siciliani contro chi intende usare la nostra isola come piattaforma militare per operazioni di guerra, contro chi preferisce sacrificare la salute e la vita dei cittadini pur di consentire l'installazione di apparecchiature assai pericolose.

Siciliani liberi è vicina a Turi e ai cittadini di Niscemi e continuerà con loro a rivendicare lo smantellamento di un impianto che produrrà solo danni alla popolazione.
N O  M U O S

 

 

UN'OCCASIONE SPRECATA.....

REFERENDUM

SICILIANI LIBERI

COMUNICATO

REFERENDUM SULL’INSULARITÀ: PER SICILIANI LIBERI È UN’OCCASIONE SPRECATA

«Non è errato nel merito introdurre la continuità territoriale e l’insularità nel diritto costituzionale» – così Ciro Lomonte, segretario di Siciliani Liberi – «e certamente, se si farà un referendum consultivo, non potremo che votare SÌ, anche se sarebbe stato più opportuno ed autorevole inserire questa clausola in Costituzione più che nello Statuto. Ma non faremo alcuna campagna referendaria, daremo appena indicazione ai nostri elettori e simpatizzanti di votare a favore. Perché? Perché sarebbe una clamorosa occasione sprecata per la Sicilia. La procedura è la stessa che noi abbiamo individuato per costituire l’intera Sicilia in “Zona Economica Speciale” (Disegno di legge voto + Referendum consultivo), sembra quasi copiata, ma si spara alla mosca con il carro armato. Non diciamo che gli altri devono sposare il nostro ambizioso progetto istituzionale, che sarebbe certo risolutivo per la Sicilia, ma almeno fare una legge costituzionale di interpretazione autentica che difenda TUTTO lo Statuto dalle interpretazioni abrogative della Corte Costituzionale, e sottoporre questo, non la sola insularità, al voto dei cittadini siciliani. In questo si potrebbe ben inserire l’insularità, come stiamo facendo nella petizione che presenteremo all’ARS, ma questa è solo un capitolo, piccolo piccolo, della Questione Siciliana. La quale o la si risolve tutta intera o semplicemente si inganna l’elettorato. Armao sta facendo un po’ di propaganda. Chiami a referendum i Siciliani sulla salvezza integrale dello Statuto. E, se proprio vuole accelerare sulla sola insularità, proponga al partito di cui fa parte, Forza Italia, di presentare domani mattina una legge ordinaria che lo istituisca. Anziché tra due anni, la continuità territoriale potremmo averla domani mattina. Dovrebbe conoscere qualche persona a lui molto vicina in grado di presentare questa legge a Roma, o no?».

 

SICILIANI LIBERI AD AGENDA SUD 34

Francesco C. MarsalaArmando Melodia

SICILIANI LIBERI AD AGENDA SUD 34

Domenica 22 luglio si è svolto a Lamezia Terme l’incontro di Agenda Sud 34, incentrato sulla petizione che impegna il governo italiano a ripartire tra le regioni la spesa pubblica per i servizi essenziali in modo proporzionale a numero di abitanti. L’applicazione di questo criterio porterebbe ad aumentare gli stanziamenti per le regioni del mezzogiorno dal 23% attuale al 34%.

All’incontro è stata presente una delegazione di "Siciliani Liberi", composta dal vicesegretario Armando Melodia e dal responsabile delle relazioni esterne Francesco Marsala. Nel corso della riunione la delegazione indipendentista ha ribadito la necessità che il Governo statale passi dalle parole ai fatti sulla Questione meridionale e che, soprattutto, venga finalmente affrontata la specifica Questione Siciliana, che è data soprattutto dalla continua violazione dello Statuto speciale della Regione. Siciliani Liberi ha ribadito la propria disponibilità, su basi paritetiche, a fare fronte comune con i meridionali italiani e con i sardisti in quelle competizioni elettorali in cui gli sbarramenti elettorali impediscono di fatto una presenza solitaria, come nelle prossime competizioni europee.

Grazie a te,

vive un movimento politico che lotta per ridare alla Sicilia la dignità di una terra libera dai colonialismi.

Grazie a te,

possiamo continuare a combattere per diventare ZONA ECONOMICA SPECIALE, con fiscalità di vantaggio, zona franca ed esenzioni doganali, totale devoluzione delle risorse fiscali alla Sicilia.

Grazie a te!

Sostieni Siciliani Liberi

Bonifico Bancario INTESTATO A: Siciliani Liberi

IBAN: IT39H0521604609000009083488
BIC SWIFT: BPCVIT2S

Oppure Tramite Paypal



Siciliani Liberi

"La Sicilia di oggi è una colonia, una colonia d’Italia, sfruttata selvaggiamente dall’esterno e dall’interno, mentre ai Siciliani è negata ogni dignità, essendo loro assegnato invariabilmente il ruolo dei parassiti..."

Il manifesto

"Nella Sicilia che vogliamo la politica sarà servizio a favore dei cittadini e non mezzo per acquisire ricchezza e potere e questa metterà la persona umana, la famiglia, il lavoro e la solidarietà al centro della propria azione."

Lo statuto

"È costituito il Movimento “SICILIANI LIBERI”. Scopo primario del Movimento è il conseguimento della piena sovranità della Sicilia, da realizzare con mezzi democratici, pacifici e la difesa dei diritti dei siciliani."

slogan12