ROBERTO LA ROSA:”LA BUROCRAZIA NEMICA DEI CITTADINI, NOI ABBIAMO LA RICETTA, MA DA DOMANI I PARTITI COLONIALI LA COPIERANNO”

IMG 3971PALERMO - " Oggi per avviare un'attività si prevedono tempi di realizzazione, non di mesi ma di anni. La liste d'attesa negli ospedali sono indecenti, la burocrazia regionale oggi è nemica dei Siciliani! – lo dice Roberto La Rosa Candidato presidente alla regione Siciliana – “la responsabilità non è delle persone ma delle leggi ingarbugliate “-

“I partiti italiani, definiti "coloniali" , si limitano a proporre tagli lineari, per compiacere l'Europa, tagli che causano solo disservizi - afferma La Rosa -  per il Movimento siciliani Liberi la soluzione sta nell'attivare il potere  che ha la Regione siciliana nel legiferare, in particolare indirizzarlo a due mosse cruciali: Testi unici e Contabilità sociale”.

“Con i "Testi unici" si fa pulizia _ dice Roberto La Rosa- di leggi, regolamenti, delibere e circolar ormai obsoleti, si predispongono norme semplici, lineari, ordinate affinché i dirigenti abbiano un'ampia discrezionalità amministrativa.

“Con la "Contabilità sociale"- afferma La Rosa-  si misurerà il livello qualitativo dei servizi pubblici, legando le retribuzioni premiali dei dirigenti e dei funzionari ai risultati effettivi della loro azione amministrativa”  “Metteremo una contabilità sociale per misurare l’efficacia dell’azione pubblica, con criteri oggettivi e soggetti a revisione indipendente. “I politici invece vanno buttati fuori dalla gestione dei servizi pubblici”- continua La Rosa “ad oggi cosa propongono sul tema i partiti coloniali italiani? Nulla, non propongono nulla. Da domani copieranno a soli fin elettorali l’unico programma: quello del “movimento Siciliani Liberi”.

_

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn