Giorno memoriadi Armando Melodia

Ricordare è importante! La memoria di ciò che abbiamo vissuto e di ciò che hanno vissuto coloro che ci hanno preceduto è importante. Senza passato non c'è futuro! La memoria è anche un antidoto contro veleni che come fiumi sotterranei possono riemergere e intossicarci nuovamente e nuovamente portare all'offuscamento delle menti, all'aberrazione, alla catalogazione dei "nemici" contro i quali scatenare l'odio, alla individuazione di bersagli "moralmente" accettabili sui quali sfogare con violenza le nostre frustazioni. Ricordare è importante! Così come è importante rigettare atteggiamenti, parole, comportamenti che ripropongono una propria presunta superiorità, oppure una altrettanto presunta inferiorità di altri, affidando il discrimine all'appartenenza ad un gruppo, ad una religione, ad una razza, ad un orientamento sessuale. L'antisemitismo, l'omofobia, il razzismo, che pure coscientemente aborriamo, sono troppo spesso soltanto dietro l'angolo del nostro sentire, nascoste dal velo dell'ipocrisia dietro un motto di spirito, un sarcasmo, un "mi piace" sfuggito alla tastiera.

Ricordare è importante ma la memoria non può e non deve essere selettiva. E allora dobbiamo ricordare che l'olocausto, la deportazione nei campi di concentramento e di sterminio nazisti riguardò anche i siciliani.

Screen Shot 01 25 19 at 07.48 PM

 di Armando Melodia

Oggi si è concluso il congresso della CGIL con l'elezione di Maurizio Landini a segretario generale.

A lui un sincero augurio di buon lavoro.

Però voglio cogliere questa occasione per avviare una riflessione sul sindacato e in particolar modo sul sindacalismo siciliano.

So bene che oggi la parola sindacato evoca reazioni di disapprovazione se non di disgusto e appellare qualcuno con il termine sindacalista sembra avere una accezione offensiva. Cerchiamo però di ragionare restando al di sopra di queste sensazioni - spesso perfino giustificate - e proviamo a distinguere la funzione sociale del sindacato dall'interpretazione che di questa hanno dato i sindacati italiani negli ultimi decenni. Partiamo dal principio: il sindacalismo nasce con l'esigenza di rivendicare, conquistare e tutelari diritti che consentano ai lavoratori di migliorare la loro condizione sia dal punto di vista economica che sociale.

Screen Shot 01 23 19 at 10.07 AM

a cura dei Giovani Siciliani Liberi

Gli esiti di questo sondaggio, secondo il quale la percentuale di coloro che immaginano un futuro in Sicilia tra dieci anni risulta assai bassa soprattutto nelle fasce d'età che vanno dai 18 ai 24 anni e dai 25 ai 35 anni, costituiscono un campanello d'allarme estremamente grave per l'avvenire della nostra isola. 

Di fatto, le generazioni di siciliani che dovrebbero assicurare il futuro di questa terra sono sempre più coinvolte in una spirale di bisogno e rassegnazione tale da indurle a non credere nella possibilità di vivere una vita dignitosa a “casa propria”.

Screen Shot 01 16 19 at 09.19 PM

Melodia nuovo Presidente di Siciliani Liberi,

intervistato da "ilSicilia.it"

Critiche al governatore sulle Zone economiche speciali

Offrire al popolo siciliano una possibilità di lavoro dignitoso e liberamente scegliere il proprio futuro“.

Economia, lavoro e giunta Musumeci, argomenti sui quali Armando Melodia, nuovo presidente del movimento Siciliani Liberi, ha le idee chiare.

decreto sicurezza 1

 

Molti elettori e simpatizzanti ci chiedono cosa pensiamo della cronaca

di questi giorni sulla residenza agli stranieri e sul cd. Decreto Sicurezza: “Siete con Salvini o con Orlando?”

Folla

Siamo ancora qua

I primi tre anni dei Siciliani Liberi

Sono passati tre anni dall'atto fondativo del Movimento Siciliani Liberi. In un albergo di Pergusa, in una bella giornata di sole, confluirono curiosi e simpatizzanti da ogni parte dell'Isola. Fu una bella festa. Si percepiva che stava nascendo qualcosa di veramente nuovo, di autentico, di energico.