70 anni di attesa per vedere attuare un trattato di pace tra due Nazioni in armi sono davvero troppi. Perché questo è stato in realtà lo Statuto siciliano: un patto confederale di compromesso tra Sicilia e Italia, conquistato al termine di una guerra civile. L'Autonomia oggi sta morendo; tradita dai partiti e dello Stato italiano che, poco a poco, l'hanno svuotata di ogni contenuto e senso, l'hanno ridotta ad una devoluzione di sole spese ai Siciliani, a una condizione di minorità politica e di continuo ricatto.

 Ieri, finalmente, l'ARS ha condannato moralmente il Governo Crocetta a "rimangiarsi" l'accordo-capestro con il quale la Regione rinunciava nel 2014 ai frutti derivanti dal contenzioso con lo Stato in cambio di un insignificante rilassamento dei limiti del patto di stabilità. Si trattava di ricorsi per miliardi di euro.

Presidio indipendentista di contestazione, ieri pomeriggio, a Marsala contro l'inaugurazione del monumento dedicato ai Mille di Garibaldi, da parte del nostro Circolo William Galt/Luigi Natoli

 

Il referendum non è andato come speravamo. Ha vinto il regime post democratico di Renzi. Ma non mancano i segnali positivi che arrivano dalla Sicilia dove 1.146.308 elettori sono andati alle urne e il 92% di questi ha votato contro le trivelle...

 

Strano atteggiamento quello dell'astensionista Renzi. Chi si astiene dovrebbe disinteressarsi al voto. E invece in questi giorni si moltiplicano gli appelli, sempre più disperati, per "non" andare a votare. Hanno scomodato persino l'emerito 're Giorgio Napolitano', un marchio e una garanzia, per legittimare l'assenza di democrazia in Italia....

 Ieri grande giornata di sensibilizzazione sul referendum NO-Triv. Nelle diverse postazioni dell'Isola nelle quali siamo stati presenti, la nostra posizione, e il nostro stesso Movimento, sono stati comunicati a centinaia e centinaia di Siciliani. Le reazioni della cittadinanza sono state in gran parte positive.