La Pasqua cristiana è una ricorrenza molto sentita in Sicilia. Se da un punto di vista strettamente religioso essa segna la Resurrezione del Figlio, da un punto di vista materiale e antropologico va a cadere in un momento in cui la natura si desta dal torpore invernale e, a suo modo, anch'essa risorge.

 

Come vi abbiamo anticipato il presidente del nostro movimento, Massimo Costa, è stato invitato da Tvm per una puntata di Botta e risposta, trasmissione condotta da Claudio Del Gesù che ringraziamo per averci dato voce (il ringraziamento è sincero considerata la censura che ancora, in parte, subiamo). Andrà in onda dal 31 marzo su Tvm (ca.18DTT) alle ore 21.Ma abbiamo visto alcuni momenti della registrazione: il dibattito è stato scoppiettante e Siciliani Liberi non ha usato eufemismi...

Giorno 23 marzo, alle ore 19, presso i locali dello Sporting Palermo (Bonagia), il Presidente di "Siciliani Liberi", il prof. Massimo Costa, è invitato a un dibattito televisivo sulla trasmissione Botta e Risposta, dal titolo "C'è del nuovo nella politica siciliana?" A proposito di "nuovo", saranno presenti anche Gianfranco Miccichè, di Forza Italia, Francesco Cascio del Nuovo CentroDestra, Carmelo Miceli del Partito Democratico. L'ingresso è libero. Speriamo lo siano presto anche tutti i Siciliani. "Siciliani Liberi", intanto, è già protagonista della politica siciliana.

Nel giorno in cui in tutta Italia, grazie ad una iniziativa di Libera, si ricordano le vittime della mafia, noi ricordiamo a tutti che si tratta di vittime siciliane nella maggior parte dei casi. Al primo razzista che osa pontificare sulla mafiosità dei Siciliani glieli dobbiamo sbattere in faccia. Se la mafia sarà sconfitta, lo sarà grazie al sangue dei nostri fratelli morti per la libertà...

Rendere incomprensibili termini come 'Bilancio' e 'contabilità pubblica' fa parte del gioco: non fare capire nulla ai Siciliani del danno che stanno subendo. Ma, l'Italia sta applicando alla Sicilia le stesse politiche economiche che la Troika ha imposto alla Grecia. Con i risultati che conosciamo. Dobbiamo impedire questo genocidio economico e capire che è ora di ribellarsi: capire o morire

L'appuntamento è per oggi, Venerdì 18 Marzo,  in Via del Vespro, n.148 alle ore 17.00. Sono invitati tutti i cittadini che vogliono liberare la nostra Regione da una politica becera che l'ha ridotta alla fame