Scuola di Formazione Politica

a cura del Prof. Massimo Costa

Scopri di più

Programma

per la Sicilia

Leggi il programma

Siciliani Liberi

Movimento politico

Scopri di più

divider

QUESTIONE SICILIANA E CRAC IACP PALERMO

Screen Shot 06 15 19 at 11.31 AM

QUESTIONE SICILIANA E CRAC IACP PALERMO: C'è un legame?

Secondo me sì, ed è il collante di quello che chiamo il "buonismo coloniale". Non si dà alcun diritto ai Siciliani. Non sono educati come cittadini, soprattutto quelli delle classi più disagiate. 
Ma poi li si .... "lascia fare", con il favore o con la tolleranza dell'illegalità, ad ogni livello, dalla bancarella alla costruzione abusiva. Perché così si gestisce il consenso. Se non sono cittadino, se non ho diritti, ho forse doveri verso la collettività? No, e allora - se non sono controllato - frego la collettività, perché non è "mia", è "altro", è "aliena". Finisco il pacchetto di sigarette mentre sto guidando? Apro il finestrino e lo catapulto fuori, nella terra di nessuno. Posso fregare una pensione di talassemico, anche se "sugnu chinu di saluti"? Lo faccio, basta trovare l'amico INPS compiacente. Posso fregare l'IACP non pagando mai i miei debiti? Lo faccio, tanto non mi fanno niente.
E da qui nasce quasi ogni male. Dalla mancanza di senso di cittadinanza, anzi, diciamolo meglio: dal FALLIMENTO DELL'ITALIA NEL SOSTITUIRE AL SENSO DI APPARTENENZA ALLA NAZIONE SICILIANA QUELLO DI APPARTENENZA ALLA NAZIONE ITALIANA. L'Italia ha fallito nel fare dei Siciliani buoni cittadini italiani. Li ha reietti, li ha calpestati, e loro se ne sono andati, di fatto, per i fatti loro, guazzando nella più totale inciviltà (i bassifondi della società, certo, ma sono tanti).
E allora? E allora io che non devo chiedere voti, posso dire che ci vuole dappertutto un po' di repressione per fare funzionare le cose? 
Le multe si devono prendere a chi sporca. 
Le costruzioni abusive si devono abbattere.
Gli studenti svogliati si devono bocciare.
E gli inquilini morosi, che non vogliono nemmeno pagare il fitto simbolico, vanno sfrattati.
Non dico che si deve mettere un regime poliziesco. Basta reprimere i casi peggiori. Ne colpisci uno per educarne cento.
Se non siamo capaci, con una nuova classe politica, di fare rispettare le norme nelle branche della amministrazione a noi affidate, non possiamo pretendere alcuna forma di autogoverno.
Ci vuole serietà, ad ogni livello. Poi anche un po' di elasticità, certo. Ma quando il sistema è in caduta libera collassa tutto.
E questo la Sicilia non se lo può permettere.
La colpa, in ultimo, non è dei morosi, è di chi ha amministrato le IACP negli ultimi vent'anni senza fare valere i diritti dell'ente.
Se un condomino non paga per prima cosa vado a prendere l'amministratore, non il condomino.

Massimo Costa

"DISAVANZO? UN ERRORE DEL 2015"

Screen Shot 06 11 19 at 09.36 PM

IPOTESI SPALMATURA DECENNALE

Il  disavanzo della Regione (come abbiamo sempre sospettato e anche denunciato), disavanzo che PAGHEREMO TUTTI A SANGUE DI PAPA, anzi che stiamo già pagando,
sarebbe nato, stando a Live Sicilia, da un "errore" nella cancellazione dei residui attivi del 2015,
CIOÈ UN "ERRORE" NEL CANCELLARE MILIARDI DI CREDITI VERSO LO STATO!
Pudica affermazione, quella della Commissione e di Live,
ancor più occultata dal GdS, che non ne parla completamente e si limita a urlare sull'enormità del debito che ne consegue e su quanto e per quanto tempo dovremo pagarlo, OCCULTANDO DEL TUTTO OGNI ERRORE.
Sempre su Live si apprende che "Armao non vuole sentire parlare di responsabilità della precedente legislatura".
Scusate l'ossimoro: c'è UN ERRORE, ma NON CI SONO RESPONSABILITÀ. Trallallero, trallallà.
In un giorno d'agosto 2015 (era Crocetta) si fece un errore colossale, per fare un regalo all'Italia in affanno per eseguire i diktat europei (a sua volta). E la Sicilia non solo paga, ma è infamata quotidianamente su tutte le TV italiane come "male assoluto" del Paese.
Non ci sono responsabilità perché "non se ne accorse nessuno": non solo il Governo, ma anche l'ufficio competente dell'Assemblea, sotto il controllo di tutti i partiti, anche d'opposizione, ma anche (guarda quando si dice la combinazione) anche lo Stato, che "non si accorse" del regalo nei suoi confronti e quindi non impugnò le leggi della Regione.
E quindi "è inutile cercare responsabilità nella legislatura precedente". Pagare e sorridere.
Di fronte alla ragion di stato (italiano), Siciliano, schiavo!, paga e sta' zitto!
E la "Corte dei Conti"? Non pervenuta, c'è bisogno di dirlo? La ragion di stato è ragion di stato.
Però Armao chiede umilmente di poter spalmare il debito che conseguire per uomo negro sigiliano su diegi anni anzighé 4, su, massa, ezzere buono gon noi.

M. Costa

Scuola di Formazione Politica

Locandina A3

Sono aperte procedure di selezione per l’iscrizione al Primo Corso della Scuola di Formazione Politica a cura del Prof. Massimo Costa.

Per info, modalità e costi vai alla pagina

 

 


 

Grazie a te,

vive un movimento politico che lotta per ridare alla Sicilia la dignità di una terra libera dai colonialismi.

Grazie a te,

possiamo continuare a combattere per diventare ZONA ECONOMICA SPECIALE, con fiscalità di vantaggio, zona franca ed esenzioni doganali, totale devoluzione delle risorse fiscali alla Sicilia.

Grazie a te!

Sostieni Siciliani Liberi

Bonifico Bancario INTESTATO A: Siciliani Liberi

IBAN: IT39H0521604609000009083488
BIC SWIFT: BPCVIT2S

Oppure Tramite Paypal



Siciliani Liberi

"La Sicilia di oggi è una colonia, una colonia d’Italia, sfruttata selvaggiamente dall’esterno e dall’interno, mentre ai Siciliani è negata ogni dignità, essendo loro assegnato invariabilmente il ruolo dei parassiti..."

Il manifesto

"Nella Sicilia che vogliamo la politica sarà servizio a favore dei cittadini e non mezzo per acquisire ricchezza e potere e questa metterà la persona umana, la famiglia, il lavoro e la solidarietà al centro della propria azione."

Lo statuto

"È costituito il Movimento “SICILIANI LIBERI”. Scopo primario del Movimento è il conseguimento della piena sovranità della Sicilia, da realizzare con mezzi democratici, pacifici e la difesa dei diritti dei siciliani."

slogan12