Appello Elettorale

Siamo arrivati alla tornata elettorale del 4/5 ottobre 2020, la prima dopo questo imprevedibile shock sanitario, economico e politico, in un clima da continua emergenza democratica e occupazionale.

Quando a giugno siamo usciti dal lockdown che ha bloccato del tutto ogni attività politica sul territorio, molti disperavano sul fatto che si potesse fare una serena campagna elettorale così a ridosso delle consultazioni, o addirittura ritenevano impossibile anche esprimere qualche candidatura.

Noi in questo ce l’abbiamo già fatta. In 6 importanti Comuni della Sicilia Siciliani Liberi è presente con propri candidati.

Dappertutto, pur nelle specificità locali, gli obiettivi dei nostri candidati, cui va tutta la nostra gratitudine e la nostra fiducia, sono i medesimi:

1. sostituire progressivamente la classe politica coloniale e rappresentare finalmente una bandiera di libertà dentro i consigli comunali, che sappia dire di no ai poteri forti ad ogni livello, locale, italiano e globale

2. organizzare a partire dai comuni un’attività politica che porti alla riscossa, alle prossime elezioni regionali, per la liberazione della Sicilia intera

3. rompere sia con le pratiche coloniali sia con le pratiche clientelari che hanno scritto la “non storia” degli ultimi 70 anni

4. difendere e mettere al primo posto finalmente il lavoro, l’impresa, il prodotto siciliano, con ogni nostro atto, con le unghie e con i denti, perché i nostri giovani abbiano la possibilità di restare in questa Terra bellissima

5. diventare i guardiani e i valorizzatori del nostro più grande tesoro, i beni ambientali e culturali, con una gestione del territorio che guardi alle future generazioni

6. portare avanti ogni iniziativa di valorizzazione dell’identità sicilaina, a partire da una politica di rinnovo della toponomastica dei nostri municipi, spesso intestata in modo infamante a carnefici di siciliani e delinquenti

7. puntare a usare i Consigli Comunali come una “seconda camera” della Regione, per portare avanti disegni di legge e leggi voto a difesa della nostra Patria, e soprattutto per attuare finalmente lo Statuto siciliano

Altri obiettivi e politiche, nel segno del buon governo, saranno condotte dai nostri rappresentanti, in funzione delle esigenze specifiche dei diversi centri, e qui non possiamo riassumerle.

Possiamo solo dire che abbiamo sentito attorno a loro un grande entusiasmo, un crescente consenso. Siamo praticamente certi che porteremo a casa le prime, storiche, vittorie, alle elezioni amministrative con qualche consigliere eletto, e forse pure qualche assessore.

Ricordiamo a tutti i nostri elettori, amici e simpatizzanti i nomi di questi primi amministratori siciliani liberi, delle liste in cui sono inseriti e dei candidati sindaci che appoggiano, ai quali pure va il nostro ringraziamento, sostegno e stima.

Con i candidati di Siciliani Liberi per liberare la Sicilia!

Città metropolitana di PALERMO:

Comune di Termini Imerese: Francesco Calvagna, candidato indipendentista dentro a lista UDC che appoggia la candidata sindaco Amoroso.

Città metropolitana di CATANIA:

Comune di Tremestieri Etneo: Monica Tomasello, candidata indipendente nella lista “Migliora Tremestieri” del candidato sindaco Rando.

Comune di Bronte: Daniele Foti, nostro iscritto, candidato nella lista “Giovani per Bronte” del candidato sindaco Firrarello.

Città metropolitana di MESSINA:

Comune di Barcellona Pozzo di Gotto: Cristina Catalfamo, nostra iscritta, nella lista di Vox Italia del candidato sindaco Sottile Giuseppe.

Libero Consorzio di SIRACUSA:

Comune di Augusta: candidato sindaco Gulino, in particolare sosteniamo il candidato, nostro simpatizzante, nella lista “Civica per Augusta”, Salvo Amato. Se il nostro contributo su questa candidatura si rivelerà determinante potremo partecipare alla Giunta per mezzo della nostra iscritta Anna Sabini.

Libero Consorzio di RAGUSA:

Comune di Vittoria: Giovanna La Cava e Giovanni Cappello, nostri iscritti, entrambi candidati nella “Lista Civica Di Falco Sindaco” in appoggio alla candidatura a sindaco di Di Falco.

Rispondi