Una lettera di Jaume Forés i Llasat a Francesco Calogero Marsala responsabile delle relazioni internazionali di Siciliani Liberi, sui fatti che stanno accadendo in Catalogna ed in Spagna.

Jaume Forés i Llasat e Francesco Calogero Marsala

Quello che è successo questa settimana in Catalogna merita un lungo commento. Inizialmente la notizia importante è quella avvenuta nella notte di domenica 14 febbraio, è stata la vittoria dei partiti indipendentisti con 74 dei 135 deputati e il 53% dei voti. A questa cifra bisogna aggiungere il risultato di En Comú Podem, al cui interno vi sono indipendentisti e non indipendentisti, ma sono tutti favorevoli al referendum e all’amnistia dei prigionieri politici. Hanno 8 deputati e il 6,5% dei voti. Avremo un Parlamento con 82 deputati su 135 che vogliono il referendum e l’amnistia che rappresentano il 59,5% dei voti. Da ciò deriva la composizione del parlamento prima del 12 marzo e l’elezione del presidente e del governo prima del 28 marzo.

Lunedì, quando si è parlato di tutto ciò che riguarda le elezioni, un giudice ha ordinato l’arresto del cantante Pablo Hasel. Chi è Plablo Hasel e quale crimine ha commesso? Pablo Hasel (Lleida 1988) è un cantante di musica rap, molto poco conosciuto fino ad ora. La condanna di Plablo Hasel è perché nel 2016 ha pubblicato una canzone in cui parlava del re emerito Joan Carlos, come un ladro, che al momento l’intera società sa essere vera. È accusato di sostenere il terrorismo e di insultare e calunniare la corona e l’esercito. Riteniamo che questa scorza non dovrebbe esistere in un paese del 21° secolo. Né Francia, Germania, Gran Bretagna né altri paesi hanno leggi contrarie alla libertà di espressione. Una chiara visione repressiva si vede e si trova in passato nei giudici spagnoli.

Il caso Hasel non è così facile, la pena di 9 mesi e un giorno per questa canzone si somma ai 2 anni a cui è stato condannato per un’altra canzone nel 2014. In Spagna la legge consente di non andare in prigione se c’è una pena pari a o inferiore a 2 anni, ma se sommiamo le due condanne sono 2 anni e 9 mesi. Questa stessa settimana è stato condannato in un precedente processo a 3 anni per aver aggredito un video operatore di TV3 ed ha un altro processo in attesa di condanna. Se non avesse avuto altre condanne, la sentenza sarebbe stata altrettanto incomprensibile e contraria alla libertà di espressione, ma non sarebbe finito in galera. Pablo Hasel si definisce un comunista spagnolo.

Dal primo giorno (lunedì) ci sono state manifestazioni in molte città della Catalogna (anche Valencia e Maiorca) e in Spagna. Queste sono inizialmente contro una sentenza che è considerata inaccettabile e degna del diciannovesimo secolo. Tralasciamo il profilo di Pablo Hasel che sicuramente non ci piace, però non dovrebbe mai essere condannato per aver cantato una canzone in cui si dice che Juan Carlos sia un ladro.

Queste manifestazioni sono state inizialmente pacifiche e con persone di tutte le età, alla fine e quando la maggior parte delle persone è già a casa hanno portato a scontri con la Polizia della Catalogna, Mossos d’Esquadra.

Le proteste alla fine delle manifestazioni sono state guidate da gruppi anti-sistema, sempre più persone si sono unite senza ideologia politica ma che amano infiltrarsi. È coinciso che le unità anti-dimostrative di Mosos d’Esquadra abbiano comandi ampiamente criticati da gran parte della società. Forse queste unità del Mosos d’Esquadra hanno agito in modo eccessivamente violento (una ragazza ha perso un occhio per un proiettile di gomma). Quest’ultima notte (da sabato sera a domenica) gli incidenti sono stati molto gravi. Alla fine della manifestazione, alcuni gruppi hanno rotto le vetrine dei negozi del Paseo de Gracia. Nei 38 arresti effettuati dai Mossos d’Esquadra, sono stati individuati 19 delinquenti abituali per furto. Possiamo pensare che gli atti di ieri siano per lo più commessi da delinquenti comuni che approfittano della manifestazione per rubare, sebbene ci siano anche alcuni ideologicamente anti-sistema. I partiti catalani hanno chiesto la grazia per la condanna di Pablo Hasel. Possiamo anche chiederlo e il governo di Madrid (che ha il potere di perdonare) dice di vederlo bene. Può essere questione di settimane o mesi. Speriamo che le manifestazioni siano meno e che i criminali comuni vengano arrestati. Dovrebbe essere fatta anche una revisione delle unità anti-dimostrative del Mossos d’Esquadra (una forza di polizia molto apprezzata nel suo insieme) ma che ha unità di controllo antisommossa nel suo modo di agire e i suoi controlli dovrebbero cambiare. Questa sarà una delle maggiori questioni che dovrà essere risolta dal prossimo governo della Generalitat de Catalunya.

Rispondi